Iscriviti ai Feed Seguimi su Pinterest Aggiungimi su Facebook Seguimi su Twitter Segui il mio Tumblr Aggiungimi su Google+

giovedì 12 gennaio 2012

Baarìa

Lunedì sera, per la prima volta, ho visto Baarìa, film del 2009 scritto e diretto da Giuseppe Tornatore.

Mi è piaciuto un sacco, anche se non ho capito quasi una parola dei dialoghi iniziali, in siciliano stretto.
A dire la verità, a parte il dialetto siculo, ci sono altre cose che mi sono sfuggite, perciò voglio rivederlo presto, intanto però ve lo racconto lo stesso.
Ah, se il film non l'avete ancora visto e vi piace l'effetto sorpresa, come piace a me, non leggete, mi raccomando. Io vi ho avvisato, eh...

Il film è ambientato a Bagheria, comune palermitano, è proprio la città nel suo insieme, secondo me, la vera protagonista, la città che si traforma nel tempo, insieme a chi la abita.
 La prima scena vede un gruppo di bambini giocare con le trottole, uno di questi, un certo Pietro, viene chiamato da un adulto, che poco più in là sta giocando a carte, per andare a comprargli le sigarette. Il bambino deve fare in fretta per avere qualche lira in cambio e corre velocissimo in mezzo alla strada sterrata, tra muli, polveri e carretti.
Nella corsa è come se volasse sopra la sua Baarìa, lasciando il posto al volto di un altro bambino, Peppino Torrenuova, che sarà il vero e proprio protagonista del film. L'infanzia di Peppino scorre sotto il regime fascista, va a scuola e non partecipa ai canti fascisti che si ripetono ogni giorno. Non ha nemmeno più il libro perché gliel'ha mangiato una capra. La maestra, fedele ovviamente al duce, lo accusa di essere un sovversivo e lo punisce mandandolo dietro la lavagna, dove non riesce a tenere gli occhi aperti.

Ben presto Peppino, di povera famiglia, è costretto a lasciare quel banco. Il padre lo manda per qualche mese ad aiutare un pastore, in cambio di un po' di sale e formaggio. È un tempo duro, fatto di padroni che non esitano a picchiare nemmeno un semplice bambino, anche solo a causa di una manciata d'olive in meno.
Finalmente arrivano gli Alleati, sbarcano in Sicilia, cadono bombe su Bagheria, ben presto liberata. Il popolo si riversa in massa nei palazzi fascisti, ormai vuoti, ognuno cerca di portare via qualunque cosa possa farlo arricchire o anche, semplicemente, ricordare.
Anche Peppino è lì, tra quegli uomini che staccano porte e si litigano soprammobili. È in prima fila quando un uomo trova un piccolo varco nel muro. La sua mano non ci passa. Serve la mano piccina di un bambino. Peppino dice di non aver paura nemmeno delle bombe, figurarsi di un buco nel muro. Infila la sua manina e tira fuori una montagna di monete. Ne riesce a intascare un po' di nascosto e con quelle monete, nel dopoguerra, comprerà dei buoi riscattando l'economia della sua povera famiglia.
È ancora un ragazzo quando decide di prendere la tessera del Partito Comunista, perché crede in quei valori di onestà e ugualianza. Crede in una politica pulita, semplice, fatta dal popolo e per il popolo. Si innamora di Mannina, ma i suoi genitori la fidanzano con un altro di estrazione sociale migliore. Mannina però ama Peppino, così lo convince a "rapirla", prima che venga data in sposa a quell'altro che non ha affatto voglia di sposare. Anche la loro fuitina d'amore è una fuitina da poveri. Lui non ha i soldi per portarla da qualche parte, perciò si chiudono a chiave nella casa di lei, quando non c'è nessuno.
Ben presto si sposano, perfino in chiesa, anche se il parroco non è molto convinto di sposare "Peppino il comunista". La loro diventa una bella famiglia, piena di bambini e d'amore.
Anche i figli di Peppino e Mannina amano giocare con le trottole. A Bagheria c'è uno strano uomo che le costruisce, mettendoci dentro anche una mosca, per renderle più veloci e leggere, dice.
"E la mosca non muore?", chiede ingenuamente il più piccolo dei bambini di Peppino che, se non sbaglio, ha lo stesso volto del Pietro che corre all'inizio del film.
Il tempo passa, i figli crescono e Peppino è sempre più convinto dei valori della sua politica, compie anche un viaggio in Russia per il suo partito, ma rimane sconvolto da quello che vede. Cose terrificanti, inimmaginabili, dice. E il suo sguardo mi è sembrato diverso, come se tutti i suoi buoni propositi, la sua reale onestà e pulizia di idee non valessero più niente. Peppino è un uomo semplice, puro d'animo e non ha niente a che vedere con le mazzette che iniziano a circolare nei palazzi del potere, lui è uno del popolo ed è per quelli come lui che fa politica, per riscattarli, per far valere i loro diritti.
Se la sua visione politica, sempre secondo me, si fa un po' più amareggiata nel finale, come lui se sapesse prevedere la discesa che subirà la politica dopo quegli anni '80, la sua famiglia e il suo amore non conoscono crisi.


Il finale, come in un saggio breve di scuola, come un cerchio, ritorna all'inizio. L'immagine del Peppino in giacca e cravatta, coi capelli bianchi, che saluta il figlio grande alla stazione, lascia il posto al volto scuro del bambino "sovversivo" che si risveglia dal sonno in cui era caduto dietro la lavagna. Si sveglia e trova la classe tutta vuota, allora esce e incontra un mondo nuovo. Niente più carretti, animali, niente più polveri e bambini scalzi per strada, solo palazzi, macchine, motorini. Camminando va verso casa sua, trova un palazzo in ristrutturazione, entra. Non c'è più niente. A terra però brilla qualcosa. Peppino si accuccia e trova l'orecchino che, nel suo sogno, aveva perso la figlia dopo un suo schiaffo. Spaventato, con ancora la vecchia giacca marrone, inizia a correre per strada schivando quei motori che non conosce. Corre fortissimo, senza guardare la nuova Bagheria. Nella sua corsa si incontra con un altro bambino, che non è altro che Pietro, di ritorno dopo aver comprato le sigarette. Pietro corre ancora più forte, per riuscire a conquistare quelle poche lire. Corre corre corre e sullo sfondo spariscono nuovamente le macchine e i palazzi ordinati, mentre ricompare la vecchia Bagheria, quella di panni stesi in mezzo a strade polverose piene di bambini scalzi.
Pietro conquista le sue lire e torna alla sua occupazione, il gioco delle trottole. La sua viene colpita da un'altra e si spacca. Incredibilmente esce fuori la mosca, viva.
E così Baarìa finisce con il mega sorriso sdentato di un bambino. Ingenuo e pieno di speranza.

Baarìa mi ha lasciato un bel po' di punti di domanda, legati più che altro a una sfera quasi magica. Il finale credo che cambi nettamente il punto di vista da cui si guarda il film, non più storia, ma sogno, forse. A me non piace interpretare tutto come un sogno, sinceramente. Se mi chiedessero di dire qual è il senso di "Baarìa" non saprei rispondere. Che cos'è la corsa di Pietro? Una fuga o una speranza? Visto il sorrisone finale sono più propensa alla visione ottimistica.
Su internet ho cercato informazioni, ma non ho trovato un'interpretazione univoca. Forse semplicemente non c'è. Da qualche parte ho letto che quella mosca che esce viva dalla trottola potrebbe rappresentare il popolo siciliano che solo adesso si risveglia da un letargo che dura da decenni e generazioni. E magari, aggiungo io, potrebbe non trattarsi solo del popolo siciliano, ma proprio di tutto il popolo italiano.
Non avevo capito il perché delle apparizioni dei serpenti, poi ho scoperto che sognare serpenti neri è un presagio negativo. In effetti in tutto il film si incontrano elementi magici e oscuri, dai serpenti alle tre pietre che nascondono un tesoro, fino a una strana donna che entra all'improvviso nella vita di Mannina e che sembra avere poteri non molto normali.
Ho letto anche che il bambino che Peppino porta al cinema potrebbe rappresentare proprio Tornatore, da piccolo.

L'incontro, lo scontro, la fusione tra passato, presente e futuro mi ha emozionato, qualunque sia il suo significato, qualunque sia la sua interpretazione. Mi sono piaciuti i riferimenti storici, solo sfiorati, come il fascismo, lo sbarco degli Alleati, la liberazione, la mafia, il referendum del 2 giugno '46, la riforma agraria, il partito comunista che era davvero una speranza forte per il popolo.
E forse non serve nemmeno stare lì a chiedersi il perché o a cercare la spiegazione razionale, il cinema è arte e quando emoziona ha raggiunto il suo scopo, secondo me. Baarìa mi ha emozionato. Punto.


18 commenti:

  1. Non l'ho visto, quindi non leggo il post :P
    Però ad essere del tutto sincera non è un film che mi ispiri troppo ^^ Non so nemmeno perché in realtà, ma non mi attira! ^^
    Però magari mi sbaglio... proverò a guardarmelo un po' :)

    Un bacio! ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Elisa, quando ho visto questo film, me ne sono completamente innamorata. Mi piace la Sicilia, mi piace sentir parlare il dialetto siculo, di cui non riesco a capire quasi nulla. Questo film però mi ha letteralmente catturata e, grazie a te, sono riuscita a capire meglio il finale che, mi era un pochino sfuggito!
      A presto!

      Elimina
    2. Elan, finora non aveva destato troppa curiosità nemmeno in me, sennò l'avrei visto prima, però mi ha emozionato. Davvero. E non ti dico altro sennò tanto valeva che leggevi il lunghissimo post! :)

      Elimina
    3. MemoriaRem, anche a me piace il dialetto siciliano! Anche se non capisco niente praticamente!
      Il finale mi è piaciuto un bel po', anche se cambia la prospettiva nettamente. In compenso dà un tocco di magia a tutto il film però, quindi si, anche se duemila cose non le ho capite, Baarìa mi è piaciuto un sacco.
      Ciao!

      Elimina
  2. A me questo film è piaciuto tantissimo: sarà che, oltre alla storia in sè, che mi ha molto affascinata- il finale sa di "magia", la magia del tempo-, il film è nel mio dialetto e perciò non ho avuto problemi di comprensione ovviamente. Da palermitana, vedere evolversi la storia di un paese a pochi chilometri da casa, paese che peraltro considero un "gioiellino", e soprattutto pensare la fortuna che per una volta ho avuto, cioè quella di vedere in un film una realtà così vicina mi ha riempita di orgoglio!
    Ti consiglio di rivedere il film nella versione in italiano =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fortunata si a capire quel dialetto! Mi piace un sacco il suono della parlata siciliana, quell'accento così forte e incomprensibile per chi non è del posto. Io non ci sono mai stata in Sicilia, però da fuori mi sembra bellissima, quindi spero di venire, prima o poi. :)

      Elimina
    2. Se dovessi decidere di venire un giorno, fammi sapere, ti faccio volentieri da guida ;)

      Elimina
  3. Vedo che le cose che condiviamo continuano ad essere tantissime ! Baaria è il mio film preferito, è la città natale di mio padre, è il racconto della mia terra e molte delle storie lì narrate sono quelle della mia famiglia. HO pianto la prima volta che l'ho visto, e dopo di quello l'ho visto altre 5 volte poi ho comprato il dvd e la parte completamente in dialetto l'ho apprezzata ancora di più. Per me il mio dialetto è la cosa più bella del mondo, quando voglio ricalcare una cosa la dico in dialetto, quando sono arrabbiata quasi non riesco a contenermi. Sono davvero contenta che una non siciliana abbia apprezzato questo film :)
    per le traduzioni sono disponibile !

    RispondiElimina
  4. ps: dimenticavo ! per me la bellezza sta proprio nel fatto che ognuno la può interpretare come vuole. Per me il passato e il presente che si incontrano significa che c'è un continuum inscindibile fra quello che è successo prima di noi e il presente e che siamo come siamo grazie a tutto quello che è stato fatto prima. Ed è un messaggio bellissimo secondo me. La mosca esce viva per questo, perchè in fondo il passato non è mai troppo passato

    RispondiElimina
  5. Un film di grande suggestione..io mi sono emozionata molto la prima volta che lo vidi...nella versione in siciliano stretto con sottotitoli in spagnolo (ero a Madrid quell'anno) e fu magia...

    cara c'è un meme per te sul mio blog!^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In siciliano coi sottotitoli in spagnolo? Oh mamma!!! Che confusione... :)

      Adesso corro da te! Arrivo, son curiosa!

      Elimina
  6. caspita, che recensione spettacolare!
    quasi quasi, mi dispiace di aver visto il film, a suo tempo.
    nel senso che, di certo, mi avresti invogliato a vederlo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh ma ti avrei anche svelato tutto...o confuso le idee con i miei dubbi...
      Meglio che l'hai già visto! :)

      Elimina
  7. certo che (ti) sei ben organizzata, qui dentro.
    ora vado a dare un'occhiata al link che mi è subito balzato agli occhi:
    quello dei libri che leggi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gira pure quanto vuoi! In effetti, al contrario di me, il mio blog è abbastanza ordinato!

      Elimina
  8. Cara frufru,
    volevo farti i complimenti per il tuo bellissimo blog... è davvero fantastico :) ormai sono praticamente scarabocchidipensieri-dipendente XD non sapevo dove inserire questo commento quindi lo inserisco qui... grazie a te sto per leggere "acciaio"... mi piace molto il modo in cui hai organizzato il tuo blog e soprattutto il fatto che curi nei minimi dettagli ogni cosa... e poi mi piace leggere le frasi dei libri che hai evidenziato per vedere se corrispondono a quelle che hanno colpito me anche se ho solo 15 anni XD alcuni dei post che mi hanno colpito particolarmente sono quello su alessandro d'avenia (anch'io ho praticamente divorato "bianca come il latte rossa come il sangue" l'altro libro lo devo ancora leggere), il post "io...zia?!" (forse perchè sono zia anch'io), quello sui ricordi dei tempi del liceo (spero di poter parlare così anch'io un giorno... per ora mi godo il mio primo anno di liceo classico XD) e tanti tanti tanti altri che è inutile elencare, perché mi piacciono praticamente tutti quelli che ho letto finora... per concludere (prima che scriva sette pagine di commento) ti faccio ancora una volta i complimenti per questo splendido blog che ormai è entrato a far parte della mia routine quotidiana e... che dire? continua così e buona fortuna per il tuo avvenire =)
    Erica (non sai quante risate mi sono fatta leggendo di erika-con-la-kappa XD)
    ps
    l'idea dei post amo...et odio è davvero originale ;) mi è piaciuta moltissimo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che dire Erica...ho un sorrisone gigantesco! Che bello!!! :)
      Beata te che sei già zia anche se hai solo 15 anni! Io avrei pagato per esserlo, invece ho dovuto pazientare un po'...però tra cinque mesi scarsi un nipotino ce l'avrò davvero! Che bello!!!
      Mi fa davvero davvero piacere sapere che hai letto praticamente anche i primi post, mi pare che quello dei ricordi liceali l'ho scritto quest'estate! Goditeli tutti questi anni, perché sono bellissimi, soprattutto gli ultimi, secondo me!
      A questo punto spero proprio che "Acciaio" ti piaccia, altrimenti poi mi sentirò in colpa!!! Ovviamente, visto che sei scarabocchidipensieri-dipendente, fammi sapere che ne pensi eh...sono curiosa! E se vuoi lasciare sette pagine di commenti fallo pure, tanto mi piace leggere. Ma tanto che te lo dico a fare? Dopo che ti sei letta i miei scarabocchi questo lo sai già! :)
      Grazie davvero davvero tanto! Scrivi tutti i commenti che vuoi dove vuoi, non c'è proprio problema!
      Ciao ciao, a presto ovviamente!

      Elimina
  9. Va bene posso farcela ti sarò di aiuto :)
    E' vero i nostri dialetti sono molto stretti e incomprensibili, e hanno tante parole che invece sono legate al francese o allo spagnolo. Ma tutto sta nel farci l'abitudine !
    Sono contenta che ti sia piaciuta l'interpretazione :)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Scarabocchi su...

#Ptitzelda2014 (1) 2013 (2) 2013 Women Challenge (1) 25 aprile (1) 2° guerra mondiale (6) 30 giorni di libri (3) aborto (1) Abraham Lincoln (1) abuso (2) accettazione (1) adolescenza (14) adozione (2) Afghanistan (2) agricoltura (1) Alessandro Baricco (2) Alessandro D'avenia (2) Alessandro Parodi (1) Alessio Barale (1) Alice Munro (2) ambiente (1) America (6) amicizia (10) amigurumi (2) amore (46) Andrea Bajani (3) Angelo O. Meloni (2) animali (4) Anna Karenina (13) Anna Premoli (2) Antonio Gramsci (2) Antonio Pascale (2) Antonio Pennacchi (2) Antonio Skàrmeta (2) apparenza (1) articoli (1) assassini (2) attrazione (6) Audrey Niffenegger (2) autobiografia (7) autunno (1) bambini (4) beat generation (1) Ben Affleck (1) Berlinguer (1) Bertold Brecht (1) Between lenses (3) blog (2) bookabook (1) borghesia (6) brani (1) caccia (1) calcio (1) cancro (1) Canzoni (11) carta (1) cartoni animati (1) Cesare Pavese (2) Checco Zalone (1) Chiara Gamberale (8) chiesa (3) Christian Raimo (2) Cile (2) classici (4) Claudia Maria Bertola (1) Come pagine (9) compliblog (3) Con la carta (3) Con le mani (4) craft (1) crescita (3) crisi (2) critica (1) cucina (2) cugine (1) Daniel Glattauer (2) Daniele Cappato (1) Daniele Silvestri (1) Daniele Vicari (1) David Grossman (2) December Reflections 2014 (1) democrazia (1) diario (2) Diego De Silva (2) disagio (4) discriminazione (4) disturbi psichici (1) dolci (6) dolore (12) Don Gallo (3) droga (2) ebook (1) Elena Stancanelli (2) Eleonora Antonioni (1) Eleonora C. Caruso (1) elezioni (1) Emanuele Trevi (2) emigrazione (1) Emily Bronte (2) Erri De Luca (6) esercito (1) eutanasia (4) Fabrizio Longo (1) falcone e borsellino (1) famiglia (19) Fannie Flagg (2) fantascienza (1) fantasia (3) fascismo (1) favola (1) fede (3) Fedor M. Dostoevskij (2) Ferzan Ozpetek (1) figli (1) figlia (1) Film (10) filosofia (1) fotografie (2) Francesco De Gregori (1) Francesco Guccini (3) Francesco Piccolo (6) Francia (1) frasi (91) fumetti (4) futuro (1) G8 Genova (1) Galles (1) gay (2) genitori (1) Germania (1) Gerusalemme (1) Gheddafi (1) gialli (1) Gianni Rodari (1) Gianrico Carofiglio (2) Giappone (2) giochi tra blog (11) Giorgio Marconi (2) giovani (5) Giovanni Pascoli (1) Giulia Carcasi (2) grafica (1) Gran Paradiso (1) gruppo di lettura (2) Halloween (2) Helen Fielding (2) I film della mia vita (3) I librottini (8) idee dal web (4) idee per Natale (2) idee per Pasqua (1) Il calendario dell'avvento del blog (19) Ilaria Bernardini (1) In questo mese (3) incesto (1) incipit (1) incompiuti (1) indagini (1) India (1) Inghilterra (3) insegnamento (1) insoddisfazione (2) Iran (1) ironia (1) Irène Némirovsky (3) Isabel Allende (2) Isabelle Aubry (2) Israele (1) Italia (19) Italo Calvino (5) Ivan Baio (2) Jack Kerouac (2) Jamie Ford (3) jane austen (4) Joanne Harris (2) John Rawls (1) Jojo Moyes (2) Joyce Lussu (1) Julian Barnes (4) Kansas (1) Katherine Boo (2) Kathryn Stockett (2) Khaled Hosseini (2) Kristin Harmel (2) La gioia di scrivere (2) lager (2) laicità (2) lavoro (3) lealtà (1) leggerezza (1) lettere (1) lettere di condannati a morte della Resistenza italiana (5) Letture veloci (10) Lev Nikolaevic Tolstoj (12) Libia (1) libri da ombrellone (2) Luca Bianchini (1) Luigi Tenco (1) Luis Sepúlveda (6) lutto (1) madre (4) mafia (1) magia (2) Majgull Axelsson (2) malattia (5) Manfredi Giffone (1) Marco Bellocchio (1) Marco Magnone (1) Marco Malvaldi (2) mare (1) Margaret Mazzantini (8) Maristella Bocciero (1) Martin Scorsese (1) mass media (1) Massimo Gramellini (5) matrimonio (1) Matteo Cellini (2) Michela Murgia (2) Michele Serra (2) monologo (1) montagna (3) Moro (1) morte (15) Murakami Haruki (2) Nanni Moretti (1) Natale (2) natura (2) Neruda (1) Niccolò Ammaniti (2) Nichi Vendola (1) Nietzsche (1) nobiltà (1) Noteworthy things (15) obesità (1) Ockayovà Jarmila (1) olocausto (3) omosessualità (2) Opinioni politiche (5) opportunità (1) P'tit (1) padri (1) Paola Calvetti (2) Paolo Cognetti (4) Paolo Di Paolo (6) Paolo Giordano (6) Papa Francesco (1) Parigi (1) Parole da leggere (26) passione (2) PCI (1) pena di morte (1) pensierini (1) Pericle (1) Peter Cameron (2) Pier Paolo Pasolini (4) Piero Gobetti (1) Pillole di film (7) poesie (10) politica (14) polizia (1) povertà (1) premi (3) Premio Oscar (1) Premio Strega (1) Primo Levi (1) racconti (10) racconto (1) razzismo (2) Reccomendation Monday (4) recuperi cinematografici (1) religione (4) Resistenza (9) ricchezza (1) ricerca (1) ricette (10) riciclo creativo (1) ricordi (5) riflessioni (5) rinascita (15) Robert De Niro (1) Roberto Saviano (1) Roberto Vecchioni (2) romanzo epistolare (1) Rossella Calabrò (3) Russia (8) saggio (3) Salotto di carta (3) scarabocchi di creatività (3) scelte (1) schiavitù (1) scuola (4) segnalibri (1) Sempre di domenica (37) senso (1) sentimenti (15) separazione (2) Serena Dandini (2) serendipità (1) Sergio Verbella (1) sesso (1) settembre. fotografie (1) sfumature (1) shopping (1) Sicilia (1) Sicks (1) Silvia Avallone (4) Simona Sparaco (2) Simone Cristicchi (1) simpatici (2) sinistra (1) slum (1) società (2) sofferenza (1) sogno (1) solitudine (3) Solomon Northup (2) Somewhere over the rainbow (2) Sophie Kinsella (1) sopravvissuti (1) sotto l'ombrellone (2) speranza (1) Stati Uniti (1) Stefano Benni (2) Stefano Rodotà (3) Stephen King (4) Storia (24) storie vere (3) successo (1) suicidio (1) sulla lettura (1) Susanna Tamaro (1) Tabucchi (1) televisione (1) tempo (1) test (2) Tito Faraci (1) Tiziano Ferro (1) Torey L. Hayden (2) Toscana (1) tradimenti (9) Trilussa (1) Trudi Birger (2) Twitter (1) uncinetto (3) università (1) uomini e donne (4) utopia (1) Vanessa Diffenbaugh (1) vecchiaia (2) viaggi (1) Vinicio Capossela (1) violenza (4) Virginia Woolf (2) virtuale (1) voti (1) Wislawa Szymborska (3) wor(l)ds (6) zapping di me (23)