Iscriviti ai Feed Seguimi su Pinterest Aggiungimi su Facebook Seguimi su Twitter Segui il mio Tumblr Aggiungimi su Google+

martedì 18 dicembre 2012

L'ultima riga delle favole [Massimo Gramellini], frasi


Ogni essere umano custodiva una buona ragione per non credere più ai sogni e sentirsi tradito dalla vita.

«Ciascun uomo si vede per come si considera. E tu ti consideri sempre troppo o troppo poco. Mai per quanto vali davvero.»

L'amore attraversa l'inguine per sfociare nel cuore.

«È impossibile che tu sia sprovvisto di talenti
«Si fidi, non ne ho.»
«Tutte le anime ne posseggono uno e vengono al mondo per farlo fruttare.»
«Evidentemente la mia aveva un difetto di fabbricazione.»
«La maggior parte degli uomini ignora di custodire il germe della propria fortuna. Lo cerca all'esterno, nelle sensazioni superficiali o in certe esperienze estreme. E, non trovandolo, finisce per condurre una vita infelice.»

Aveva imparato da qualche parte che quando un sogno ti resta incollato addosso per molto tempo significa che non è più un'illusione, ma un segnale che ti sta indicando la tua missione nella vita. Cucinare spaghetti. Fare calcoli. Riparare orologi. Ciascuno ha la sua e l'errore consiste nel credere che una sia più importante dell'altra, solo perché non tutte procurano fama e denaro.

Per sapere se un sogno è giusto bisogna prima rinnegarlo, affinché la vita te lo restituisca per sempre con una rivelazione improvvisa.

Il sesso e i soldi sono le scarpe che usiamo per camminare sulla vita... L'inganno sta nell'aver trasformato un paio di scarpe nella ragione del viaggio.

Per attrarre l'amore di un'altra persona, devi prima snidarlo dalle profondità di te stesso.

Puoi essere la storia di un vile o di un eroe, di uno che trema in fondo alla spelonca delle sue paure o che crede nell'amore capace di spostare le montagne. Scegli tu il destino che preferisci. Ma smetti di cercarlo fuori di te. [...] Tu ancora non puoi sapere dove approderai. Ma chi incomincia a cercare ciò che ama finirà sempre per amare ciò che trova. Ti metti in cammino verso Est e magari raggiungi l'Ovest. Non è importante, adesso. L'importante è mettersi in cammino. Altrimenti non arriverai da nessuna parte. E passerai il resto della tua vita a disprezzarti per ciò che avresti potuto essere e non sei stato. La meta iniziale del viaggio rappresenta solo lo stimolo per partire.

«Tu vivi chiuso in una scatola trasparente, costruita dalle tue paure. Rompila e scoprirai di essere molto più di ciò che credi. [...] Mai fidarti delle apparenze Tomàs. Il mondo che si trova al di là del vetro potrebbe arrivarti deformato. Le pareti della scatola le ha partorite la tua mente e il loro nome comincia sempre per NON. NON posso. NON ce la farò mai. NON dipende da me, la più estesa di tutte. Ma, se guardi in alto, troverai la quarta, che si chiama NON ci credere. [...] Non hai altri limiti di quelli che ti sei posto da solo.»

Per diventare libero fuori, dovrai prima imparare a esserlo dentro.

Un pensiero senza amore è un veliero senza vento. Puoi lucidarne la superficie, ammirarne le forme. Puoi persino spingerlo a fatica per qualche metro, ma non approderai da nessuna parte.

Finora sei stato un perdente. Sì, un perdente. Colui che sa soltanto ciò che non desidera. Il mondo è pieno di vivi che sembrano morti perché hanno smesso di desiderare. Ma tu puoi ancora cambiare.

Se desideri una cosa e pensi veramente di meritartela, smetti di chiederti perché gli altri non te la danno. Alzati e vai a prenderla.

«La vera scelta non è mai tra il fare una cosa e il non farla. Ma tra il farla o non farla per coraggio oppure per paura», disse ancora Noah.
Tomàs rimuginò le sue parole. Pensò a tutte le persone che stavano insieme senza amore, per paura della solitudine. E a quelle che si amavano senza stare insieme, per paura di sacrificare la libertà. Due scelte in apparenza opposte, ma che conducevano entrambe al fallimento perché generate dal medesimo impulso di vigliaccheria.

Se vuoi fare un passo in avanti, devi perdere l'equilibrio per un attimo.

Quando cerchi di diventare come ti vogliono loro, le donne non ti vogliono più.

Le disse che l'amore muore per strangolamento, ogni volta che Io soffoca Noi. [...] Le disse che l'amore muore di noia, ogni volta che Io si concentra soltanto sulle emozioni e non coltiva progetti per Noi.

Nella vita il talento è tutto...ma non conta nulla senza il carattere...pura potenzialità...se non c'è la tenacia a dargli una forma...ricorda...l'ossigeno che tiene in vita la tua anima è la volontà di realizzare i suoi sogni.

Attira la fortuna chi si rende conto di quella che ha già.

Sono grato alla mia timidezza che talvolta riesce a preservarmi dall'arroganza. Sono grato alla mia fantasia e ai libri che mi forniscono gli strumenti per allenarla.

Quando le forze dell'universo sembrano cospirare contro di noi, non lo fanno per dissuaderci dall'obiettivo, ma per renderci consapevoli della sua importanza.

Ho passato la vita a desiderare che fosse la persona giusta. Il guaio è che una persona non diventa giusta solo perché tu lo desideri.

Prima di iniziare a combattere, un guerriero deve sapere per cosa lotterà.

L'amore non condiviso evapora.

Le persone cambiano e col tempo non si corrispondono. Per rimanere insieme bisogna avere la forza e la pazienza di cambiare insieme. L'amore è una creatura. E come ogni creatura deperisce e muore, oppure evolve e si conserva.

Chi ama soltanto chi lo ama è un immaturo. Esattamente come chi ama chi non lo ama. In entrambi i casi, scappa dall'amore vero perché non ha imparato a conoscerlo dentro di .

Le azioni di un individuo producono sempre un risultato da qualche parte. E hanno un senso preciso anche quando chi le compie gliene dà un altro, oppure nessuno, dal momento che non gli è concesso di conoscere l'intero copione.

♥ I miei scarabocchi su "L'ultima riga delle favole", Massimo Gramellini

15 commenti:

  1. Quante belle frasi...ma non so se leggerò mai questo libro...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Come libro mi aspettavo molto di meglio, però, nonostante non mi sia particolarmente piaciuto, ho trovato molte frasi belle.

      Elimina
  2. Belle, belle, belle...
    Quella che mi si addice in questo periodo è decisamente questa:
    "Se vuoi fare un passo in avanti, devi perdere l'equilibrio per un attimo".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho scritta in grassetto perché è anche una delle mie preferite!

      Elimina
  3. Ho letto questo libro. mi è piaciuto; ma dello stesso autore ho di gran lunga preferito FAI BEI SOGNI. Te lo consiglio!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me questo libro non è piaciuto granché, l'ho letto sulla scia di Fai bei sogni che invece ho adorato, insomma da questo mi aspettavo di più.

      Elimina
    2. Be che dire... li hai solo letti al contrario....

      Elimina
  4. Ciao carissima !!! Allora, lo hai più fatto il tronchetto?? Sono curiosa di vederlo, adoro quel dolce, l'anno scorso mi sono divertita tanto a comporre il tronco e a ricoprirlo di cioccolato *-* Io invece quest'anno ho fatto una cosa "inedita" (almeno per me :D ): le caramelleeee!! Le ho fatte come segnaposto per la cena della vigilia (dentro un sacchettino chiuse con un fiocco argento pieno di brillantini) e come regalo per la famiglia del mio ragazzo in abbinamento ad un porta biscotti/caramelle decorato a mano (non da me però!) :)
    Con i regali come sei messa tesoro?? Io bene, anche se ancora non l'ho comprato al mio ragazzo !!! Hai qualche idea da prestarmi per caso?? :D
    Smack*

    RispondiElimina
  5. Hai segnalato delle frasi bellissime Ely, magari leggerò anche io questo libro, mi piace molto Gramellini.
    Ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tra i libri di Gramellini che ho letto questo è senza dubbio quello che mi è piaciuto meno.

      Elimina
  6. sono arrivata qui per caso. Mi piace molto il tuo blog. Abbiamo una passione in comune...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, ho visto che abbiamo una passione in comune! :)
      A presto!

      Elimina
  7. anche a me l'ultima riga delle favole mi aveva lasciato molto dubbiosa: preferisco il gramellini giornalista

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ha deluso un po' anche me, forse perché l'ho letto sulla scia di Fai bei sogni e quindi mi aspettavo molto molto di più.

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...

Scarabocchi su...

2013 (2) 2013 Women Challenge (1) 25 aprile (1) 2° guerra mondiale (6) 30 giorni di libri (3) aborto (1) Abraham Lincoln (1) abuso (2) accettazione (1) adolescenza (14) adozione (2) Afghanistan (2) agricoltura (1) Alessandro Baricco (2) Alessandro D'avenia (2) Alessandro Parodi (1) Alessio Barale (1) Alice Munro (2) ambiente (1) America (6) amicizia (10) amigurumi (2) amore (44) Andrea Bajani (3) Angelo O. Meloni (2) animali (4) Anna Karenina (13) Anna Premoli (2) Antonio Gramsci (2) Antonio Pennacchi (2) Antonio Skàrmeta (2) apparenza (1) articoli (1) assassini (2) attrazione (6) Audrey Niffenegger (2) autobiografia (7) bambini (4) beat generation (1) Ben Affleck (1) Berlinguer (1) Bertold Brecht (1) Between lenses (2) blog (1) bookabook (1) borghesia (6) brani (1) caccia (1) calcio (1) cancro (1) Canzoni (11) carta (1) cartoni animati (1) Cesare Pavese (2) Checco Zalone (1) Chiara Gamberale (6) chiesa (3) Cile (2) classici (4) Claudia Maria Bertola (1) Come pagine (9) compliblog (3) Con la carta (3) Con le mani (4) craft (1) crescita (2) crisi (2) critica (1) cucina (1) cugine (1) Daniel Glattauer (2) Daniele Silvestri (1) Daniele Vicari (1) David Grossman (2) democrazia (1) diario (2) disagio (4) discriminazione (4) disturbi psichici (1) dolci (4) dolore (11) Don Gallo (3) droga (2) ebook (1) Eleonora Antonioni (1) Eleonora C. Caruso (1) elezioni (1) emigrazione (1) Emily Bronte (2) Erri De Luca (6) esercito (1) eutanasia (3) Fabrizio Longo (1) falcone e borsellino (1) famiglia (17) Fannie Flagg (2) fantascienza (1) fantasia (3) fascismo (1) favola (1) fede (3) Fedor M. Dostoevskij (2) Ferzan Ozpetek (1) figli (1) figlia (1) Film (7) filosofia (1) fotografie (2) Francesco De Gregori (1) Francesco Guccini (3) Francesco Piccolo (2) Francia (1) frasi (86) fumetti (4) futuro (1) G8 Genova (1) Galles (1) gay (2) genitori (1) Germania (1) Gerusalemme (1) Gheddafi (1) gialli (1) Gianni Rodari (1) Gianrico Carofiglio (2) Giappone (2) giochi tra blog (10) Giorgio Marconi (2) giovani (4) Giovanni Pascoli (1) Giulia Carcasi (2) grafica (1) Gran Paradiso (1) gruppo di lettura (2) Halloween (2) Helen Fielding (2) I film della mia vita (3) I librottini (8) idee dal web (4) idee per Natale (2) idee per Pasqua (1) Ilaria Bernardini (1) In questo mese (1) incesto (1) incipit (1) incompiuti (1) indagini (1) India (1) Inghilterra (3) insegnamento (1) insoddisfazione (2) Iran (1) ironia (1) Irène Némirovsky (3) Isabel Allende (2) Isabelle Aubry (2) Israele (1) Italia (17) Italo Calvino (5) Ivan Baio (2) Jack Kerouac (2) Jamie Ford (3) jane austen (4) Joanne Harris (2) John Rawls (1) Jojo Moyes (2) Joyce Lussu (1) Julian Barnes (4) Kansas (1) Katherine Boo (2) Kathryn Stockett (2) Khaled Hosseini (2) Kristin Harmel (2) La gioia di scrivere (2) lager (2) laicità (2) lavoro (3) lealtà (1) lettere (1) lettere di condannati a morte della Resistenza italiana (3) Letture veloci (9) Lev Nikolaevic Tolstoj (12) Libia (1) libri da ombrellone (2) Luigi Tenco (1) Luis Sepúlveda (6) lutto (1) madre (4) mafia (1) magia (2) Majgull Axelsson (2) malattia (5) Manfredi Giffone (1) Marco Magnone (1) Marco Malvaldi (2) mare (1) Margaret Mazzantini (8) Maristella Bocciero (1) mass media (1) Massimo Gramellini (5) matrimonio (1) Matteo Cellini (2) Michela Murgia (2) Michele Serra (2) monologo (1) montagna (3) Moro (1) morte (15) Murakami Haruki (2) Nanni Moretti (1) Natale (1) natura (2) Neruda (1) Nichi Vendola (1) Nietzsche (1) nobiltà (1) Noteworthy things (15) obesità (1) Ockayovà Jarmila (1) olocausto (3) omosessualità (2) Opinioni politiche (5) opportunità (1) padri (1) Paola Calvetti (2) Paolo Cognetti (4) Paolo Di Paolo (5) Paolo Giordano (4) Papa Francesco (1) Parigi (1) Parole da leggere (26) passione (2) PCI (1) pena di morte (1) Pericle (1) Peter Cameron (2) Pier Paolo Pasolini (4) Piero Gobetti (1) Pillole di film (7) poesie (10) politica (14) polizia (1) povertà (1) premi (3) Premio Oscar (1) Premio Strega (1) Primo Levi (1) racconti (8) racconto (1) razzismo (2) Reccomendation Monday (4) religione (4) Resistenza (7) ricchezza (1) ricerca (1) ricette (7) riciclo creativo (1) ricordi (5) riflessioni (5) rinascita (13) Roberto Saviano (1) Roberto Vecchioni (2) romanzo epistolare (1) Rossella Calabrò (3) Russia (8) saggio (3) Salotto di carta (3) scarabocchi di creatività (2) scelte (1) schiavitù (1) scuola (4) segnalibri (1) Sempre di domenica (34) senso (1) sentimenti (15) separazione (2) Serena Dandini (2) serendipità (1) Sergio Verbella (1) sesso (1) settembre. fotografie (1) sfumature (1) shopping (1) Sicilia (1) Sicks (1) Silvia Avallone (4) Simona Sparaco (2) Simone Cristicchi (1) simpatici (2) sinistra (1) slum (1) società (2) sofferenza (1) sogno (1) solitudine (3) Solomon Northup (1) Somewhere over the rainbow (2) Sophie Kinsella (1) sopravvissuti (1) sotto l'ombrellone (2) speranza (1) Stati Uniti (1) Stefano Benni (2) Stefano Rodotà (3) Stephen King (4) Storia (22) storie vere (3) successo (1) suicidio (1) sulla lettura (1) Susanna Tamaro (1) Tabucchi (1) televisione (1) tempo (1) test (2) Tito Faraci (1) Tiziano Ferro (1) Torey L. Hayden (2) Toscana (1) tradimenti (8) Trilussa (1) Trudi Birger (2) Twitter (1) uncinetto (3) università (1) uomini e donne (4) utopia (1) Vanessa Diffenbaugh (1) vecchiaia (2) viaggi (1) Vinicio Capossela (1) violenza (3) Virginia Woolf (2) virtuale (1) voti (1) Wislawa Szymborska (3) wor(l)ds (6) zapping di me (23)